SCOPRI ALTRO IN VAL FIORENTINA
Le Regole
ULTIME NOTIZIE | STORIA
Attività
Area Picnic i "Palui"
Raccolta Funghi
Info e Regolamento
Valorizzazioni culturali
WebCam | Percorso Toffol | L'Andrìa
Patrimonio Regoliero
Malga Fontana Freda
Dove siamo
a Selva di Cadore
Contatta Ufficio Magnifica Regola Selva di Cadore
Contatta Ufficio Magnifica Regola Selva di Cadore
per informazioni

RILASCIO PERMESSI RACCOLTA FUNGHI

LA MAGNIFICA REGOLA  SELVA DI CADORE E PESCUL

La raccolta funghi sul territorio regoliero di Selva di Cadore è regolamentata da specifico regolamento. Questo prevede il possesso di un permesso nominativo giornaliero, settimanale o mensile.

 
Il permesso alla raccolta può essere acquistato presso i seguenti punti vendita:

• Pro loco Val Fiorentina
• Ufficio Thule ( S.Fosca )
• Campeggio Cadore
• Malga Pien de Vacia


Ai sensi dell’art. 16 della L.R. 23/96 i raccoglitori di funghi sono tenuti al pagamento, per il rilascio del permesso, di un contributo.

Per l’anno corrente i prezzi sono così fissati:

Giornaliero: €. 8,00
Settimanale: €. 15,00
Mensile: €. 50,00

I residenti nel comune di Selva di Cadore sono esentati dal pagamento del permesso. La raccolta funghi è consentita solo nei giorni di martedì, venerdì, domenica e tutte le festività infrasettimanali. I regolieri, i conduttori affittuari e usufruttuari (limitatamente ai propri fondi), possono effettuare la raccolta in tutti i giorni della settimana.

Per ulteriori informazioni consultare il regolamento di raccolta funghi nel territorio delle Regole di Selva di Cadore.

Raccolta Funghi


RACCOLTA E CONSUMO FUNGHI

NORME COMPORTAMENTALI PER IL RACCOGLITORE

1. Raccogliere solo funghi conosciuti come sicuramente commestibili, integri ed in buono stato di conservazione. Scartare quelli troppo maturi o troppo giovani, ammuffiti, fradici o invasi da vermi: assolveranno nel modo migliore alla loro funzione ecologica ed al loro compito di propagazione sporale. Il fungo infatti è prezioso per la vita e l’equilibrio del bosco;
2. Non utilizzare per la raccolta alcun tipo di utensile quali rastrelli, uncini, ecc...;
3. I funghi vanno raccolti integri, senza tagliarli alla base, ma facendoli ruotare leggermente, avendo cura di non arrecare danno alla parte del fungo che rimane nel terreno (micelio) ne' all'ambiente circostante;
4. Portare sempre con se un coltellino per pulire sul posto i funghi raccolti, eliminando alla base del gambo terriccio, foglie o altro, facendo attenzione a non alterare i singoli caratteri morfologici del fungo, ciascuno dei quali e' fondamentale per una sicura classificazione;
5. I funghi poco conosciuti o dubbi, vanno riportati integri in contenitori specifici per permetterne la classificazione;
6. Raccogliere, per l’uso alimentare, solo funghi che si conoscono perfettamente; in caso di incertezza, anche minima, evitare il consumo;
7. Usare recipienti rigidi ed aerati, quali i cesti di vimini, per mantenere i funghi integri e freschi; evitare nel modo più assoluto i sacchetti di plastica o simili perché favoriscono la loro marcescenza e la formazione di veleni da putrefazione;
8. Al rientro a casa ricontrollare con calma ogni esemplare raccolto;
9. I funghi non raccolti, anche se riconosciuti non commestibili, non devono essere distrutti o calpestati, poiché essi svolgono un ruolo importantissimo nell'equilibrio del bosco e sottobosco;
10. Evitare in modo più assoluto di raccogliere funghi nei centri abitati o lungo strade di notevole intensità veicolare onde evitare di ingerire, tramite l'alimento, quantità elevate di piombo o altri contaminanti;
11. Non raccogliere mai funghi su terreni coltivati o su pascoli senza prima essersi accertati che non vi siano state cosparse sostanze tossiche, quali fertilizzanti, diserbanti o disinfestanti.

Ai fini della sicurezza personale, molta importanza per la ricerca dei funghi assume l'attrezzatura ed il vestiario:
• indumenti che facilitano i movimenti nel sottobosco e che impediscano appigli a rovi o arbusti e che coprano braccia e gambe, sia per proteggere dal freddo che per evitare morsi di vipera, punture di insetti, graffi ed abrasioni;
• calzatureidonee(scarponcinialtiostivali);
• bastone per battere ed esplorare il terreno. Evitando così di frugare tra l’erba ed i cespugli con le mani e per aiutare nei tratti impegnativi.


Inoltre:

• Ricordati che il bosco è un ambiente potenzialmente pericoloso; sii prudente e muoviti con attenzione per evitare incidenti;
• Sii consapevole di dove ti trovi e durante il cammino memorizza alcuni punti di riferimento, al fine di ritrovare agevolmente e per tempo la via del ritorno;
• Porta con te un piccolo e pratico kit di pronto soccorso contenete medicamenti di facile utilizzo, come ad esempio cerotti, bende, salviettine disinfettanti e pomate per punture di insetti: Evita di portare il siero antivipera, infatti un cattivo uso può spesso essere più pericoloso dello stesso veleno del rettile;
• In caso di morso di vipera, la cosa migliore da fare è stringere con un laccio l’arto un po’ sopra i segni della ferita ed avviarsi al più vicino Pronto Soccorso;
• In caso di puntura di zecca, non cercare di estrarla da solo ma rivolgiti al Pronto Soccorso.


Ricorda che:

1. Nel bosco sei un ospite e non un padrone;
2. Rispetta l’ambiente, non abbandonare rifiuti, non danneggiare le piante e l’humus, non provocare rumori inutili;
3. Fa che il tuo comportamento, civile e rispettoso, sia da esempio per gli altri;
4. Mantieniti il più possibile sui sentieri già tracciati;
5. Rispetta anche i funghi velenosi e quelli che non conosci calpestandoli o prendendoli a calci; anch’essi sono utilissimi all’ambiente in cui vivono;
6. Rispetta le leggi e le normative vigenti in loco; 7. Rispetta la proprietà privata.



NORME COMPORTAMENTALI PER IL CONSUMATORE

1. I funghi sono un alimento altamente deperibile. Occorre consumarli entro breve tempo dalla raccolta;
2. Consumare crude solo quelle poche specie che si prestano a tale scopo;
3. Ricordati che alcuni funghi commestibili, se consumati crudi oppure insufficientemente cotti, possono dar luogo ad intossicazioni
4. Ricorrere alla operazione di sbollentatura per quelle specie che richiedono tale operazione. Alcune specie infatti, contengono tossine termolabili che si distruggono durante la cottura, rendendo il fungo commestibile;
5. Provvedere alla cottura, alla conservazione o all'essiccazione solo dopo una sicura identificazione. E' molto difficile ed in alcuni casi impossibile riconoscere i funghi dopo tali manipolazioni;
6. In caso di conservazione per congelamento, rispetta i tempi prescritti di scadenza e ricorda che i funghi, una volta scongelati, non possono essere ricongelati;
7. Tutti i funghi, compresi i porcini, costituiscono un pasto difficilmente digeribile; evitare quindi di mangiarne in grandi quantita' e soprattutto in pasti ravvicinati;
8. Non disfarsi immediatamente degli scarti di pulitura e tenere sempre a disposizione eventuali avanzi dei funghi
consumati, per accertamenti piu' approfonditi in caso di necessita'.
9. In caso di sospetta intossicazione, non lasciarti prendere dal panico o da paure isteriche ma rivolgiti subito al 118 od al Pronto Soccorso (cioè richiedi subito l’intervento di un medico). Non ingerire alcool né caffè, ma abbondante acqua. Porta con te i resti della raccolta e il materiale di scarto della pulizia nonchè gli avanzi del pasto, per farli esaminare. Evacua al più presto lo stomaco. Infine raccogli le deiezioni per gli eventuali esami di laboratorio. Per ultimo segnala anche le altre persone che hanno consumato lo stesso pasto.


False credenze

Non esistono metodi empirici per riconoscere se un fungo e' commestibile o velenoso. Tali ingannevoli credenze sono ancora molto in uso e spesso all'origine di intossicazioni.

Non è vero che:
• se aglio od oggetti in argento messi nella stessa pentola di cottura non modificano le loro caratteristiche, i funghi sono commestibili;
• se i funghi presentano parti mangiate da lumache, scoiattoli o altri animali, sono da considerarsi commestibili;
• il fungo commestibile raccolto accanto a rottami, pezzi di cuoio, ferro o altri rifiuti, diventi per tale motivo tossico. Comunque e' bene accertarsi se si tratta di rifiuti singoli che non hanno inquinato il terreno o se il terreno di crescita del fungo in questione sia stato contaminato (nei pressi di discariche, lungo strade di grande traffico, in prati o in frutteti trattati con sostanze tossiche). Il fungo, in quanto "frutto di una pianta sotterranea", ha una capacità molto elevata di assorbire sostanze tossiche quali piombo, rame, cadmio, ecc.;
• un fungo commestibile, venuto a contatto con un fungo tossico, non diventa anch'esso tossico. E' comunque sconsigliato il consumo del fungo in quanto parte del fungo tossico (pezzetti, lamelle o spore) può mescolarsi inavvertitamente con i commestibili. Si ricorda che l'unico sistema sicuro per definire la commestibilità di un fungo e' determinarne la specie a seguito di un attento esame di riconoscimento di tutte le componenti morfologiche.


MAPPA DEL TERRITORIO REGOLIERO | Clicca sull'immagine per ingrandire  la delimitazione dei confini regolieri

Confini Regolieri

 

Regole di Selva e Pescul di Cadore

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA
E COMMERCIALIZZAZIONE DEI FUNGHI EPIGEI FRESCHI

ART. 1 – Finalità
1) Il presente regolamento mira a tutelare la conservazione e l’incremento del patrimonio naturale, disciplinando la raccolta dei funghi spontanei nell’ambito del territorio di competenza delle Regole di Selva di Cadore secondo quanto previsto dalla L.R. 19 agosto 1996 n. 23 "Disciplina della raccolta e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati" e dalle disposizioni esecutive di attuazione della stessa approvate con la Deliberazione della Giunta Regionale n. 739 del 02.05.2012.

ART. 2 –Titolo per la raccolta e individuazione delle giornate
1) All’interno del territorio di competenza delle Regole di Selva di Cadore, costituisce titolo per la raccolta dei funghi epigei spontanei freschi un documento di identità in corso di validità e la ricevuta di un versamento così determinato:
Durata Costo unitario
Giornaliero € 8,00
Settimanale (7 giorni naturali e consecutivi) € 15,00
Mensile (30 giorni naturali e consecutivi) € 50,00
2) La ricevuta di versamento verrà rilasciata dalle singole Regole o dai soggetti da queste delegati ; 3) Sono esentati dal versamento degli importi sopra determinati:
- i regolieri e i residenti nel Comune di Selva di Cadore, purché muniti di documento di identità in corso di validità.
- gli usufruttuari limitatamente ai rispettivi fondi;
- i conduttori affittuari e loro famigliari limitatamente ai rispettivi fondi;
4) Gli introiti derivanti dai proventi dei versamenti per la raccolta vengono destinati per interventi di tutela e salvaguardia. Entro il 30 giugno di ogni anno le Regole invieranno alla Giunta regionale, anche in modalità digitale, la relazione di cui all’art.16 L.R. 23/96 contenente l’importo annuale riscosso dai versamenti dei contributi per la raccolta, l’entità dei proventi delle sanzioni amministrative e la modalità di utilizzo.
5) La raccolta dei funghi è consentita, nei limiti di previsti dalla L.R. 23/1996, nei giorni di martedì, venerdì, domenica ed in tutte le festività infrasettimanali.
6) La raccolta funghi è consentita tutti i giorni per le seguenti categorie:
- regolieri;
- i conduttori affittuari e loro famigliari limitatamente ai rispettivi fondi;
- gli usufruttuari limitatamente ai rispettivi fondi;


ART. 3 – Definizione del territorio di competenza delle Regole di Selva di Cadore.
1) Il territorio di competenza delle Regole di Selva di Cadore è individuato nella carta allegata al presente regolamento e reperibile presso i punti vendita dei titoli per la raccolta o sul sito internet www.regoleselva.it

ART. 4 – Limiti, modalità e divieti di raccolta
1) Relativamente ai limiti, alle modalità e ai divieti di raccolta si rimanda a quanto espressamente previsto agli art. 3, 4 e 5 della L.R. 23/96 e agli artt. 3 e 4 dell’Allegato A della D.G.R.V. n 739 del 02.05.2012.

ART. 5 – Agevolazioni alla raccolta
1) Ai residenti di Selva di Cadore che effettuano la raccolta per integrare il loro reddito, è accordata l’agevolazione di derogare dai limiti quantitativi giornalieri fino ad un massimo del triplo della quantità prevista dall’art. 3 della L.R. 19 agosto 1996, n. 23.
2) L’agevolazione è concesse annualmente alle seguenti categorie di residenti:
a) regolieri;
b) coltivatori diretti, gestori di boschi a qualunque titolo;
c) soci di cooperative agro-forestali aventi sede nel Comune di Selva di Cadore.
3) Al fine di ottenere il riconoscimento delle agevolazioni alla raccolta si fa riferimento a quanto riportato al punto 6 delle disposizioni esecutive di attuazione approvate con la D.G.R.V. n. 739 del 02.05.2012.

ART. 6 – Violazioni, sanzioni amministrative e introiti
1) Per le violazioni delle disposizioni della L.R. 19 agosto 1996, n. 23 si applicano le sanzioni amministrative pecuniarie previste dall’art. 13 della L.R. 19 agosto 1996, n. 23.
2) I proventi delle sanzioni amministrative applicate per le violazioni alle disposizioni legislative vengono trasferiti, per una quota non inferiore al 70%, dai comuni alle Regole di Selva di Cadore.

ART. 7 – Norme finali
1) Per quanto non contenuto nel presente regolamento si fa riferimento alla L.R. 19 agosto 1996, n. 23 e alle disposizioni esecutive di attuazione approvate con la D.G.R.V. n. 739 del 02.05.2012.

 

Magnifica Regola di Selva e Pescul di Cadore , P.I. 00951580257 | tel +39 0437 521009 | cookie policy